We Are Church International

Il movimento internazionale We Are Church (IMWAC) appoggia il nuovo corso di papa Francesco per riforme sostanziali nella Chiesa e nel suo incontro in Dublino ha deciso la propria agenda per i prossimi anni .

 

            We Are Church appoggia  papa Francesco nel suo impegno per riforme sostanziali nella Chiesa e chiede ai vescovi di appoggiare con convinzione questo nuovo corso fondato su una maggiore trasparenza, sul decentramento e sul dialogo con la base della Chiesa. A quasi otto mesi dalla sua elezione l’argentino  Card. Jorge Mario Bergoglio,  vescovo di Roma, sta avviando un nuovo corso   come dimostra anche il questionario per il Sinodo sulla Famiglia  del 2014 che è stato reso noto la scorsa settimana.

 

            Delegati di undici paesi europei (Austria, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Olanda, Portogallo, Norvegia, Spagna, Regno Unito) e degli Stati Uniti si sono riuniti nel collegio All Hallows di Dublino dall’1 al 3 novembre per discutere del loro contributo al nuovo corso riformatore della Chiesa Cattolica.

 

            IMWAC apprezza il nuovo sistema di consultazione ora previsto per il sinodo sulla famiglia e chiede ai vescovi di impegnarsi perché  i fedeli e le parrocchie  rispondano direttamente . Le conferenze episcopali di tutto il mondo dovrebbero fare come la conferenza dei vescovi dell’Inghilterra e del Galles che ha già collocato il questionario sul suo sito ed ha invitato i fedeli a rispondere online. Alcune delle questioni poste e il modo con cui sono presentate  mettono in evidenza una riflessione problematica su di esse . Perciò IMWAC leggerà con attenzione il questionario e organizzerà un “Sinodo ombra” durante il Sinodo straordinario sulla famiglia in Roma nell’ottobre del 2014 “Non può essere un sinodo in cui solo vescovi che vivono nel celibato discutano degli attuali  problemi della  vita famigliare” dice Martha Heizer di We Are Church Austria e attualmente presidente di IMWAC “Noi chiediamo  che al sinodo partecipino esperti  e fedeli di base che possano portare diverse  esperienze di vita cristiana oggi “ E  IMWAC appoggia l’idea di donne cardinali come primo passo nell’aprire i ministeri alle donne.

 

            IMWAC è consapevole delle forti resistenze, specialmente in Vaticano, nei confronti della realizzazione di riforme di fondo. Molti vescovi sono riluttanti a seguire il nuovo corso. La profonda crisi di leadership nella Chiesa non è ancora superata. Perciò IMWAC ha deciso un impegnativo programma di iniziative per i prossimi anni. Oltre al “Sinodo ombra, ” IMWAC , insieme ad altri movimenti riformatori, sta preparando una strategia per ricordare  nel 2015 i 50 anni dalla conclusione del Concilio Vaticano II.

 

            Il francese Didier Vanhoutte, delegato di IMWAC,  ha relazionato sugli incontri avuti in Thailandia questa estate con molti gruppi cattolici là convenuti   da tutta l’Asia . Essi aspettano riforme  sulla pastorale nella Chiesa cattolica simili a quelle proposte da IMWAC

 

            IMWAC dell’America latina, impossibilitata ad essere presente,  ha confermato di essere parte integrante del movimento riformatore  sottolineando in particolare i problemi della giustizia sociale.

 

Dublino 5 novembre 2013